CREA Blog

Idee, riflessioni e storie per la Tua evoluzione

Team management: 5 modi per sviluppare capacità comunicative da leader

by | Jan 24, 2022

“La comunicazione non è quello che diciamo, bensì quello che arriva agli altri.” Thorsten Havener

Lavorare in team significa mettere a fattor comune tutte le diverse competenze professionali delle persone che fanno parte del gruppo di lavoro per raggiungere un obiettivo comune, mettendo in sinergia anche le attitudini personali, ovvero quelle caratteristiche distintive che rendono unico ogni membro del team.
Un leader dovrebbe, pertanto, riuscire a lavorare non snaturando le inclinazioni di ogni individuo, ma esaltando l’unicità e riconoscendo ognuno come parte attiva del progetto.

In questo contesto, la Comunicazione, ricopre un ruolo fondamentale, ma spesso si rivela più difficile da attuare di quanto si pensi, non tanto perché non si comunica, ma per il fatto che di frequente si dà per scontato ragionamenti o logiche che non sono proprie dell’interlocutore.

La comunicazione, il fulcro del lavoro si quadra

La comunicazione è il processo chiave che permette lo scambio di informazioni finalizzato al raggiungimento di un risultato comune. Affinché possa funzionare, bisogna tenere sempre a mente che i gruppi di lavoro sono formati da persone che portano con sé il proprio bagaglio di emotività e i propri schemi mentali.

Cinque consigli pratici che possono aiutare a migliorare l’efficacia della comunicazione nel team


1. Condividere gli obiettivi: il gruppo deve conoscere e condividere i propri obiettivi e quelli dell’azienda, di modo che possa agire in linea con essi. Il leader deve saper comunicare in maniera efficace e semplice la rotta per poter raggiungere il risultato atteso.

2. Porre attenzione al linguaggio: ognuno persona utilizza un linguaggio e uno stile comunicativo diverso a seconda della propria personalità. Quando un leader comunica, è necessario che si esprima tendono conto delle persone che fanno parte del gruppo, delle loro differenze culturali, del ruolo che ognuno ricopre e dello stile aziendale.

3. Utilizzare un tono di voce adeguato: per un leader è fondamentale sapersi controllare e parlare sempre in modo calmo e pacato, senza farsi trasportare troppo dalle emozioni del momento, soprattutto quando si è alterati o arrabbiati, riuscendo così a ridurre le possibilità di contrasti e veicolando il messaggio in modo chiaro e comprensibile.

4. Dare e chiedere feedback: per tenere alta la motivazione di un team e permettere a tutti i membri di sentirsi parte attiva del gruppo è necessario instaurare un dialogo bidirezionale. Si dovrebbe dare, quindi, la possibilità a ogni persona coinvolta, non solo di ricevere informazioni, ma dare loro voce, facendo esprimere la propria opinione.
Molto dipende dalla cultura aziendale, ma se si vuole creare un rapporto di fiducia all’interno del team, è necessario che ci sia una richiesta e ricezione di feedback, mettendo poi in atto i suggerimenti ricevuti e ritenuti validi, dimostrando al team che la loro opinione ha valore.

5. Fare esercizi di comunicazione: la comunicazione, come la maggior parte delle attività umane, ha bisogno di allenamento per essere perfezionata.
Per questo motivo, è opportuno condurre nel gruppo periodici esercizi di comunicazione, che possono essere sviluppati a seconda delle esigenze. Un esercizio utile potrebbe essere quello di assegnare a rotazione un argomento sul quale preparare una breve presentazione da esporre ai colleghi, ma anche organizzare dei giochi di ruolo o semplicemente dei training online con esperti del settore, coinvolgendo così la squadra.

E tu, che tipo di comunicazione utilizzi con il tuo team? Utilizzi già qualche strumento per valorizzare i membri della tua squadra?

A presto.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.


Iscriviti alla newsletter e ricevi ogni settimana una pillola di coaching CREA. Inoltre ti invieremo gli inviti ai nostri, webinar gratuiti e ai corsi che attiveremo.

Inviando questo modulo accetto che i miei dati vengano salvati e trattati da CREA Sas di G. Magni & c. così come previsto dalla Privacy & Cookie Policy e dalla vigente normativa GDPR. Al fine di ricevere informazioni, notizie e newsletter, dalle quali potrò disiscrivermi in qualuque momento.

ARTICOLI CORRELATI

Perché la propensione all’azione è importante per un Coach.

Perché la propensione all’azione è importante per un Coach.

Cosa serve per essere un coach? Beh, non basta avere entusiasmo e sincerità. Serve anche la propensione all'azione. La maggior parte delle persone vogliono di più dalla vita, solo che non sanno cosa significa. Non sono sicuri di ciò che vogliono o di come ottenerlo....