fbpx
PROCESSO DECISIONALE E COACHING

PROCESSO DECISIONALE E COACHING

COME AVVIENE IL PROCESSO DECISIONALE -COSA SUCCEDE IN NOI QUANDO DECIDIAMO -COME EVITARE IL PIU’ POSSIBILE BIAS COGNITIVI – COME PUO’ ESSERCI UTILE IL COACHING

COME AVVIENE IL PROCESSO DECISIONALE

Questo breve articolo riprende alcuni concetti che non avevamo sviluppato del mio precedente https://www.creacoach.it/coaching-ed-euristica/ e come promesso approfondisce le tematiche con alcuni spunti dalla letteratura scientifica, su come avviene il processo decisionale.

Innanzi tutto partiamo dagli aspetti razionali, poichè su quelli “non razionali” o “irrazionali”, “inconsci o inconsapevoli” che dir si voglia, scriverò tra poco. Ma se realmente pensi che le tue decisioni siano razionali, se pensi di sapere tutto su quell’argomento del quale devi decidere qualcosa, non perdere tempo a leggere questo post, non posso insegnarti nulla.

Ciò detto, semplificando, il processo decisionale ha tanto a che fare con il concetto di libertà. La scelta infatti, presuppone una possibilità di prendere due o piu strade. Una scelta/decisione pertanto può scaturire da un processo apparentemente razionale, da un processo intuitivo o euristico (non è proprio la stessa cosa, ma semplifichiamo), oppure da un mix di entrambi.

Per quanto riguarda gli aspetti razionali, la decisione presuppone una fase di individuazione precisa del problema, un’acquisizione di dati, di problem solving con analisi delle possibili strategie risolutive ed una scelta di quella ritenuta migliore. Semplice no?

COSA SUCCEDE IN NOI QUANDO DECIDIAMO

Non proprio. Già, ahinoi, fin dal processo di acquisizione dati e ancor prima di analisi del problema, il processo è falsato da tutta una serie di filtri cognitivi. Questi filtri, selezionano e lasciano passare, portandoli alla coscienza, solo quei dati che ci interessano,che confermano la nostra visione e avvallano la nostra decisione. Questi bias/buchi cognitivi derivano da tanti fattori individuali, socio culturali ma anche da meccanismi evolutivi, un potentissimo e utilissimo meccanismo evolutivo del cervello umano ad esempio, che molto probabilmente conoscete, detto comunemente “attenzione selettiva” o anche ironicamente “effetto cocktail party”.

Infatti sia gli studi di Benjamin Libet che quelli di Daniel Dennet dimostrano che circa mezzo (o un terzo) di secondo prima che si sia “presa” una decisione, comunque l’attività neurale e l’attivazione muscolare sono già partite.

Il coaching è utile per portare consapevolezza di ciò ed evitare il più possibile i bias cognitivi .

Capita in una una sessione di coaching, magari career, che il coachee (cliente) dice “Io sono introverso, sono sempre stato introverso”. Razionalmente non fa una piega. Ma capite come questo pensiero/convinzione identitario influenza le sue decisioni, la sua visione, la sua “raccolta dati/elementi quando deve decidere? Da coach, non giudico se sia giusto o sbagliato essere introverso, mi interessa relativamente da dove viene questo pensiero; lo accompagno, se vuole, ad esplorare se questa convinzione è utile o disutile in funzione di ciò che vorrebbe diventare, poi la scelta, quella vera, è sempre e solo sua. Il suo “sono” è in contraddizione con il suo “voglio diventare? Ok, li sta la scelta, li sta la libertà. Se sceglie di restare com’è, potrei non essergli utile e se ciò fosse, proporrei di interrompere la relazione di coaching (con restituzione economica, ca va sans dire, etica CREA, AICP e ICF).

COME EVITARE IL PIU’ POSSIBILE I BIAS COGNITIVI

Una frase o aforisma chiamatelo come volete, che ho coniato, che uso spesso nei miei corsi, in azienda o altro, parlando di decision making, è che “Le persone e le organizzazioni decidono spesso su pochi, pochissimi, dati e spesso quei pochi dati li processano male”.

Cosa fare? Innanzi tutto condividere prima di decidere, il più possibile, con persone il più possibile diverse da noi. Se poi ciò avviene con un coach, che non da consigli, meglio ancora. Nei gruppi e nelle aziende, regola aurea dovrebbe essere evitare come la peste gli “Yes Men” e creare volutamente, nel processo di selezione (occhio, recruiters!, bisognerebbe conoscere molto bene il candidato ma altrettanto bene dove andrà) un ambiente multiculturale, il più possobile composto da persone di estrazione culturale, sociale e scolastica diversa. Conosco purtroppo molto bene realtà, stranamente anche in paesi come la Francia (e la Rivoluzione Francese che fine a fatto?) dove una visione e acquisizione basta sulla “simiglianza” (errore voluto, ndr) anziche sulla differenza/diversità, produce danni incredibili (di fatturato eh, mica noccioline!)

COME PUO’ ESSERCI UTILE IL COACHING

ICF definisce il coaching come una partnership con i clienti che, attraverso un processo creativo, stimola la riflessione, ispirandoli a massimizzare il proprio potenziale personale e professionale.

Governare il processo decisionale significa anche governare la modalità di costruzione del pensiero e quindi il linguaggio, pertanto il coaching, anche come processo educativo (pedagogico?), accompagna il cliente o azienda ad una rilfessione, nel senso che il coach rimanda, riflette al coachee, un’immagine scevra da intepretazioni (bias cognitivi appunto) come uno specchio pulito. Educa il cliente anche nel futuro autonomo, ad auto allertarsi sui filtri cognitivi che lo portano verso la visione asistemica, allena il pensiero divergente/laterale del cliente, stimola innanzi tutto l’insight e poi di seguito, la riflessione sugli ostacoli e le strategie pianificate di problem solving. Ma ancor prima, a monte, che il processo decisionale sia focalizzato e integrato ad un grande, vero, unico e condiviso (se un team) WILL. Poi un’analisi completa, approfondita di informazioni in possesso e mancanti, di priorità, portano ad un processo decisionale che riduce compatibilmente al minimo, la possibilità di errore. Noi di Crea la chiamiamo strategia zero errori.

In partenza workshop Public speaking, Scuola di coaching Firenze e Milano.

A.S.

COACHING E V. U. C. A.

COACHING E V. U. C. A.

COSA VUOL DIRE VUCA

COME AFFRONTARE LE ERE D’INCERTEZZA – COME TI E’ UTILE IL COACHING -COSA PUOI FARE TU

Il coaching e VUCA, ma cosa è questo VUCA? Ne hai sentito parlare? Vuca è un acronimo, coniato nel 1987 da due docenti universitari, nei loro trattati sulla leadership, Warren Bennis e Burton Nanus, che sta per

Volatility (volatilità)

Uncertainty (incertezza)

Complexity (complessità)

Ambiguity (ambiguità)

Ditemi voi se questa, con quel che stiamo vivendo, è più che mai definibile come un’era Vuca.

Ma da dove viene? Perchè è stato coniato questo acronimo? Io credo che la nostra era, dopo il volo sulla luna, dopo la globalizzazione, per molti versi può essere considerata un post 1492, la fase di passaggio tra la fine di un’era e l’inizio di un’altra.

COME AFFRONTARE LE ERE D’INCERTEZZA?

Possiamo prendere in aiuto, senza scomodare grandi menti come GianBattista Vico o Nicolò Macchiavelli, un manuale di storia. Ciò che accadeva allora in trecento anni, oggi potrebbe probabilmente accadere in trenta. 300 anni dopo la scoperta dell’America arriva la rivoluzione Francese. E, per stare terra terra, come esempio (uno dei tanti) in pochi anni, Napoleone Bonaparte, con un modello militare tattico del tutto nuovo, in pochi anni sbaraglia eserciti considerati invincibili (fino a quando non ci presero, parecchi anni dopo, misura).

COME TI E’ UTILE IL COACHING

Io considererei per brevità, due concetti chiave del coaching in questo articolo (non posso darveli tutti).

Flessibilità: si è sempre fatto così, abbiamo sempre fatto così, è un mindset che vedo molto bene pronunciato dal Comandante Edward John Smith. Se hai un’azienda o lavori in un’azienda che sembra prosperare, con questo atteggiamento mentale, oggi, potrebbe non esistere più tra un anno, ma se sei fortunato, potrebbe andare avanti per molto. (Thomas Cook insegna). Essere flessibili vuol dire anche ascoltare tutto e tutti e reagire agli stimoli, interni ed esterni.

Leggerezza: (lean), snellezza, oggi devi scegliere cosa portarti nello zaino, se vuoi fre n viaggio lungo. Gli esploratori che viaggiavano con i bauli trasportati dai pachidermi, oggi avrebbero poca fortuna, ma forse non te ne sei reso conto e ti porti dietro un sacco di fardelli, inutili, poco utili o anche abbastanza utili, ma devi scegliere in base alle 5 C della sopravvivenza, poi magari se hai posto, puoi aggiungere qualcosa, ma non lasciando a terra cosa ti è indispensabile nella giungla moderna, giungla metaforica, giungla mentale ed emotiva.

COSA PUOI FARE TU

Spazza via dalla tua mente credenze e convinzioni: ciò che è giusto per te, può continuare ad essere giusto e vero per te, ma non è detto che lo sia per l’altro! Analizza quali sono queste credenze, poi mettile da parte. LA SOLA COSA CHE PUOI TENERE IN considerazione sono i tuoi valori irrinunciabili, sui quali non è possibile arrivare a compromessi, ma solo tu puoi capire quali sono. Una volta individuati, quei pochi, vedi chi intorno a te li condivide e comincia a muoverti e costruire la tua vita sulla base di poche semplici parole, che ti diano un’immagine CHIARA e DINAMICA (intesa come immagine in movimento, non statica.

Noi di Crea sappiamo molto bene quali sono la nostra visione e mission, individuale dei soci e collaboratori e aziendale e quanto queste debbano collimare per fare tanta strada.

A.S. TeamCrea

COACHING E AUTOSTIMA

COACHING E AUTOSTIMA

COACHING E AUTOSTIMA

Cos’è l’autostima e come il coaching può servirci ad aumentarla?

L’autostima, lo dice la parola stessa, è il risultato di un processo di valutazione di noi stessi.

Semplice no?

Se non lo sapevi ed è era la sola curiosità che avevi, puoi fermarti qui.

Se invece ti interessa sapere sinteticamente come si costituisce, quali parametri e valutazioni influenzano il processo di auto valutazione e come, attraverso il coaching e non solo, puoi mantenere la stima di te a dei buoni livelli, perché è importante farlo, continua a leggere.

Vi diamo una bella notizia: l’autostima è un paradigma che può essere costruito giorno dopo giorno attraverso strategie cognitive. Quindi possiamo implementarla e consolidarla.

AUTOIMMAGINE

Innanzi tutto sfatiamo qualche mito. Non c’è nessuno che non abbia delle oscillazione anche quotidiane della propria autostima. Per capirci, possiamo paragonarla all’andamento di un titolo in borsa. Può essere soggetta a delle oscillazioni nel breve periodo, l’importante è che abbia un trend positivo di crescita.

Ed ecco perché è così importante avere una buona autostima: ci dà quella sicurezza e tranquillità. Come avere un piccolo tesoretto. Ci mette al riparo e sostiene quando la vita ci presenta momenti difficili e ci permette di superarli e uscirne in breve tempo, più forti di prima. Influisce sulle nostre emozioni e il nostro stato mentale e financo sulla nostra salute, attraverso il sistema immunitario.

Si basa su una immagine interiore che si forma all’inizio della nostra vita si va plasmando nel tempo, ma non è mai totalmente statica. Ergo si può modificare, anche in positivo e non è certo solo il frutto della propria immagine allo specchio.

Vi sarà capitato di conoscere persone che trasmettono sicurezza di sé e che emanano fascino, indipendentemente dalla fisicità. Al tempo stesso persone che basandosi sui canoni estetici comuni alla nostra cultura, non si percepiscono “belle”, anche se tali vengono comunemente giudicate.

COME SI FORMA E SU COSA SI BASA?

Essenzialmente la fiducia in noi stessi si forma e si evolve dalla nascita, attraversando adolescenza ed età adulta, basandosi su tre indicatori:

  1. percezione e valutazione della propria corporeità, influenzata da fattori endogeni ed esogeni; che va oltre una misurazione meramente estetica, dando valore al proprio essere fisico, bilanciando punti di forza con punti di debolezza
  2. percezione e valutazione dei propri pensieri, emozioni e idee: quindi che valore do a ciò che penso, alle mie idee e convinzioni, valori, al carattere ecc; anch’essa influenzata fino ad una certa età da fattori esogeni
  3. percezione della mia capacità di fare, agire e reagire nelle situazioni e di mettere in atto strategie di problem solving; influenzata principalmente da fattori valutati interni.

Vi sono due test molto noti, per l’età adulta il Basic SE Scale di Forsman, Johnson, Ugolini, Bruzzi e Raboni  e quello elaborato da B.A. Bracken  per la fascia di età 9/19 anni il TMA.

Tutti questi fattori sono infine continuamente sottoposti ad un processo dinamico di valutazione da parte del nostro SE’ interiore, un unicuum dinamico composto da tre fattori.

Il SE’ REALE, chi sono e cosa sono capace di fare veramente, oggetivamente.

Quello PERCEPITO, chi penso e cosa penso di essere e di poter fare soggetivamente.

Quello IDEALE, ovvero quello che io vorrei essere.

Va da sé che maggiore è la distanza tra queste istanze e maggiore sarà il mio senso  di frustrazione interiore che influirà negativamente sulla fiducia in me stessa/o. Inoltre situazioni difficili o frustranti in età infantile o adolescenziale, potrebbero dare adito alla costruzione di sé illusori, magari anche di “successo”, ma che hanno alla base un adulto con un sé compensato, funzionale in certi contesti e situazioni, ma non in altre. Questo equilibrio compensativo potrebbe reggere per sempre, ma anche subire colpi tremendi in certe situazioni.

Leggetevi qualcosa di Daniel Goleman e “Le vostre zone erronee” di Wayne Walter Dyer

COME POSSIAMO  AUMENTARE LA NOSTRA AUTOSTIMA

Veniamo all’intersecarsi di coaching e autostima. Il coaching è un processo che porta la persona che vuole veramente apportare cambiamenti nella propria vita, a raggiungere e conquistare ciò che essa pensa di meritarsi.

Va da se che già ciò avvicina, partendo anche da un riesame oggettivo del sé reale, sé percepito e sé ideale, accrescendo la nostra autostima.

Quindi il cliente/coachee apprende a dar valore alle proprie idee e alle numerose intuizioni che ha, da una parte e a dar valore alle proprie capacità di seguirle e perseguirle.

Inoltre il coach stimola una riflessione e consapevolezza interiore che porta il cliente  ad installare nuove abitudini e nuovi “software” mentali, orientati al positivo, al successo e allo sviluppo delle proprie capacità di problem solving, verso un’autonomia che rende al cliente il senso di indipendenza e sicurezza.

VANTAGGI?

Le persone con un’alta autostima dimostrano una maggiore perseveranza nel perseguire un’attività che le appassiona o nel raggiungere un obiettivo a cui tengono. Sono più propense a relativizzare un insuccesso e ad impegnasi in nuove imprese che le aiutano a dimenticare.

Al contrario, una bassa autostima può condurre ad una ridotta partecipazione e a uno scarso entusiasmo, che si manifestano con demotivazione e in cui predominano disimpegno e disinteresse. Le persone in questo cas si arrendono molto più facilmente quando si tratta di raggiungere un obiettivo. Mettono in atto circolo pensieri tossici auto profetizzanti al negativo e disinvesteno assai presto le loro energie se incontrano qualche difficoltà o sentono un parere contrario a ciò che pensano. Cosa che le porta ben presto al fallimento previsto.

Si tratta di persone che faticano ad abbandonare i sentimenti di delusione e di amarezza connessi allo sperimentare un insuccesso. Inoltre, di fronte alle critiche, sono permalose.

PILLOLE QUOTIDIANE PER ACCRESCERE LA TUA AUTOSTIMA

  1. Mettete un taccuino sul vostro comodino o scrivania; se non lo avete, andate immediatamente in una bella cartolibreria di classe e comprate quello che più vi piace! E’ importante, diventerà un pezzo di voi, un compagno di viaggio di una parte della vostra vita quotidiana. Con questo piccolo atto fate già due passi, questo e quello al punto 6!
  2. Agisci, comportati e pensa come se avessi già successo! La poca autostima blocca l’azione, ma il successo, la riuscita, dipende proprio dall’azione! Cosa voglio fare oggi?
  3. A fronte di pensieri negativi, scacciali, facendoti  una domanda: come agirei e cosa penserei, se fossi sicuro di riuscirci? Cosa proverei? Se fosse una cosa che ho già fatto con successo, come mi sentirei? Quali  pensieri voglio che accompagnino la mia giornata?
  4. Se vai indietro con il pensiero, sicuramente ricorderai qualcosa in cui sei riuscito! Come mi sono sentita/o allora? Se è accaduto, ed è accaduto, può accadere di nuovo.
  5. Questa cosa che sto facendo provando o pensando, è in funzione dell’approvazione da parte di qualcuno o è davvero ciò che io voglio? Se il nostro stare bene dipende da ciò che noi crediamo gli altri pensano di noi, dovremmo cercare di piacere a 7 miliardi di esseri umani. Per farlo dovremmo mentire a loro, ma soprattutto  a noi stessi.
  6. Gratificati quotidianamente con piccoli gesti di bene verso di te, pause  contemplative e/o meditative, cercando la bellezza attorno a te. Fatti qualche piccolo dono.

L’autostima s’impara, come s’impara a fare il coach e ad essere coach di se stessi.

A.Storari

Team Crea