CREA Blog

Idee, riflessioni e storie per la Tua evoluzione

L’importanza dell’adattamento nel coaching – Perché è necessario che tu sappia adattarti e rinnovarti

by | Apr 25, 2022

Vivere nel mondo di oggi non è facile per nessuno. La vita cambia costantemente e così le esigenze delle persone. Come coach, uno dei tuoi compiti è quello di imparare ad adattarti e innovare, evoluzione continua,  non importa cosa fai o con chi lavori. I tuoi clienti hanno bisogno del tuo supporto per capire i loro obiettivi personali e lavorare sul loro sviluppo personale. Che stiano cercando modi per migliorare le loro relazioni a casa, ritrovare l’entusiasmo per il proprio lavoro o sentirsi meglio con se stessi, sta a te aiutarli a raggiungere ciò che vogliono nella vita. Continua a leggere per avere consigli su come diventare un coach che sa come adattarsi e rinnovarsi!

Coaching personale per il cambiamento personale

Per molte persone, l’idea del coaching è nuova e potrebbe essere un po’ confusa. Ma in realtà, è abbastanza semplice. Un coach supporta  i suoi clienti in qualsiasi area della loro vita – lavoro, relazioni, salute o sviluppo personale -business, al fine di raggiungere i loro obiettivi. Questo potrebbe comportare qualsiasi cosa, dal superare un blocco, all’imparare a costruire relazioni migliori con i membri della famiglia o i colleghi di lavoro, al raggiungimento di nuovi obiettivi o miglioramento di quelli raggiunti.

La cosa più importante che devi capire sul coaching è che è fatto su misura per quello che i tuoi clienti vogliono. Non sta a te decidere di cosa hanno bisogno; il tuo compito è quello di portarli a destinazione. Il primo passo è conoscerli e capire cosa vogliono dal coaching. Potresti fare domande come “Quale vuoi che sia il risultato che otterrai alla fine delle sessioni di coaching?” o “Come colleghi questa azione che intendi fare al raggiungimento del tuo obiettivo?

 Per allenare con successo i tuoi clienti, dovrai essere in gradi di  adattarti e evolverti  durante il processo.

Una delle qualità più importanti per avere successo come coach è l’empatia. I tuoi clienti verranno da te con bisogni e obiettivi diversi, e sta a te scoprire quali sono questi bisogni e obiettivi e aiutarli a raggiungere ciò che vogliono nella vita. Non ci sono due persone uguali, e questo significa che neanche due sessioni di coaching saranno uguali. Dovrai adattare il tuo approccio, così come la tua tecnica, a seconda della persona con cui stai lavorando.

Adattarsi: Competenza chiave per il successo

Una delle competenze più importanti per un coach di successo è la capacità di adattarsi. Nel mondo di oggi, dove tutto cambia velocemente, l’adattabilità è un’abilità indispensabile. La capacità di adattarsi e innovare ti aiuterà a fornire il corretto supporto ai tuoi clienti, indipendentemente dalla loro situazione di partenza.

Parte del sapere adattarsi è l’essere flessibile. Questo si applica non solo al tuo processo di coaching, ma anche al modo in cui tratti con persone difficili o testarde. Devi essere in grado di lavorare con diverse personalità e passare da un approccio all’altro senza rimanere bloccato nei tuoi modi. È molto importante che i tuoi clienti si sentano ascoltati e rispettati da te, in modo che da sentirsi abbastanza sicuri da condividere quello che succede nelle loro vite.

L’importanza di adattarsi al tuo cliente

È importante che un coach sia in grado di adattarsi alle esigenze dei suoi clienti. Una tendenza crescente nel mondo del coaching è quella di adattare gli stili di coaching per adattarsi alla diversa gamma di clienti. Questo aiuterà la tua attività a crescere e ti permetterà di incontrare più persone che stanno affrontando varie tipologie di problemi. Un modo per imparare ad adattarsi è fare tanta esperienza, guardare ogni cliente come se fosse il primo e adeguarsi al cammino che il cliente intende fare, chiedendosi ogni volta, quanto siete riusciti ad adeguarvi alle esigenze del cliente e quanto avete messo del vostro nelle esigenze del cliente. Un altro modo per diventare un coach che sa come adattarsi è continuare a formarsi e imparare nuove tecniche anche dopo che hai finito la scuola di coaching. Allena la tua capacità di uscire dalla “comfort zone” con consapevolezza onde adattarsi alle situazioni che si trovano nella “learning zone e/o nella Panic zone”.

Il cambiamento è l’unica cosa certa

Non possiamo sfuggire al cambiamento. Che ci piaccia o no, è l’unica certezza della vita. Dovremmo abbracciare questa idea invece di combatterla. Per farlo, però, dobbiamo continuamente imparare nuove abilità e sviluppare la nostra mente in modo da poter rimanere al passo con un mondo in continuo cambiamento.

Conclusione

Il coaching è un servizio importante per molte persone, ma può essere estremamente difficile entrare in empatia o trattare con i nuovi clienti. Per Questo devi sapere come adattarti e rinnovarti. L’apertura mentale e la flessibilità sono caratteristiche che un coach acquisisce durante il percorso di studi. Queste lo rendono un professionista in grado di adattarsi ad ogni situazione, rispettando sé stesso e il cliente nei pensieri e nelle azioni.

Le competenze applicate in diversi ambiti professionali permettono di accogliere positivamente i cambiamenti, gestire con serenità e fiducia gli inconvenienti grazie a una mentalità orientata verso il problem solving e il change management . L’allenamento della propria creatività permette inoltre di essere un coach e un professionista capace di continuo rinnovamento.

2 Comments

  1. margherita

    Grazie.Credo certo nel cambiamento e nell’adattamento ma l’apertura mentale e la flessibilità che sono le capacità per affrontarli non si impari in poco tempo.

    Reply
    • Giovanni Magni

      Grazie Margherita, condivido quanto scrivi, la scienza dice che per creare nuove sinapsi necessitano almeno 21 giorni di ripetizioni, poi dice che affinché il nuovo comportamento diventi una nuova abitudini necessitano circa 28 giorni. Sulla base di questi dati, creare nuovi circuiti neurali che ci permettano di essere più flessibili e più aperti richiedono del tempo. Certo è che se mai cominciamo mai raggiungeremo i risultati 😉 grazie per la tua condivisione e spunti che ci hai donato. Buona giornata

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published.


Iscriviti alla newsletter e ricevi ogni settimana una pillola di coaching CREA. Inoltre ti invieremo gli inviti ai nostri, webinar gratuiti e ai corsi che attiveremo.

Inviando questo modulo accetto che i miei dati vengano salvati e trattati da CREA Sas di G. Magni & c. così come previsto dalla Privacy & Cookie Policy e dalla vigente normativa GDPR. Al fine di ricevere informazioni, notizie e newsletter, dalle quali potrò disiscrivermi in qualuque momento.

ARTICOLI CORRELATI

3 differenze principali fra coaching e psicologia

3 differenze principali fra coaching e psicologia

Negli ultimi anni si parla moltissimo sia di Coaching che di Psicologia, due professioni e ruoli differenti che spesso vengono confusi. Ma quali sono le differenze fra coaching e psicologia? Sostanzialmente si può dire che il coaching consiste nell'aiutare le persone...

3 motivi per frequentare un corso di coaching riconosciuto

3 motivi per frequentare un corso di coaching riconosciuto

Mentre il mondo della terapia lavora per ripristinare la fiducia  persa con una parte del pubblico, l'industria sta incoraggiando le persone a considerare il coaching come un'opzione valida. Per chi è interessato a diventare un coach, esistono diversi...

La percezione del presente: realtà assoluta? Non per un coach!

La percezione del presente: realtà assoluta? Non per un coach!

“La credenza che la realtà che ognuno vede sia l'unica realtà è la più pericolosa di tutte le illusioni.” (Paul Watzlawick) Quante volte, nel corso della vita, ci siamo trovati in situazioni poco piacevoli perché eravamo convinti che quella fosse l’unica realtà...