CREA Blog

Idee, riflessioni e storie per la Tua evoluzione

Il coaching nello sport

da | Set 20, 2022

Il Coaching è una pratica che si sta diffondendo sempre di più anche nel mondo dello sport, dove prende il nome di Coaching Sportivo e rivolge l’attenzione verso tutte le situazioni inerenti alla motivazione, concentrazione, ansia da prestazione, miglioramento della tecnica, e altro. L’obiettivo è liberare tutto il potenziale dell’atleta. Detto in altri termini, il Coaching è una metodologia che permette di migliorare le performance di atleti singoli  e squadre, grazie all’utilizzo di strumenti scientifici, all’applicazione di tecniche specifiche e alla relazione che si instaura tra coach e cliente e tra cliente e cliente (comunicazione interiore).

Lo sport è un settore in cui il coaching risulta un potente strumento di crescita, sia a livello individuale che di squadra. Gli atleti possono trarre beneficio dal coaching sia prima di un evento importante, come una gara o una competizione, sia nel corso della loro carriera, per migliorare e puntare all’eccellenza della performance.

Le squadre di atleti possono invece trarre beneficio dal coaching sia sul piano tattico che su quello psicofisico. Il coaching quando sviluppato in accordo con gli allenatori, può far emergere  strategie migliori per far vincere la loro squadra, può aiutare gli atleti a superare i momenti difficili, a rimanere motivati nel corso della stagione e a trovare soluzioni dove prima vedevano problemi.

I coach professionisti attualmente iscritti in Italia all’interno delle associazioni di categoria sono circa 1.500 con un trend in costante aumento.  A loro, con particolare riferimento a coloro i quali sono specializzati in ambito sportivo, va rivolta l’attenzione qualora si desideri intraprendere un reale percorso migliorativo. Come in tutti i settori, purtroppo  esistono anche nel Coaching sportivo persone formate con corsi non riconosciuti o ex allenatori “prestati al coaching” per passione ,ma, è necessario fare attenzione alla scelta del professionista a cui rivolgersi proprio in relazione alla delicata funzione che dovrà ricoprire.

Il coaching nello sport ha avuto inizio negli Stati Uniti, negli anni ’70 grazie a Timothy Gallwey, un giovane allenatore di Tennis che ebbe il merito di essere il primo ad utilizzare il termine Coaching in ambito sportivo. Egli sosteneva che l’avversario più difficile per un atleta fosse dentro di sé e che dunque si dovessero mettere in atto tutti gli strumenti utili per sconfiggere questo “nemico interiore”. 

Una delle sue frasi storiche è stata : “L’avversario che si nasconde dentro la tua mente è più forte dell’avversario che sta dall’altra parte della rete”

Nel suo libro “The Inner Game of Tennis”, Galwey descrive la sua metodologia per migliorare le performance degli atleti; il volume ebbe un grande successo, tanto da essere tradotto in moltissime lingue.

Nel corso degli anni, il coaching nello sport è divenuto sempre più popolare e sono stati sviluppati molti metodi differenti per migliorare le performance degli atleti. Oggi, il coaching è utilizzato dalla maggior parte degli  atleti professionisti e da molti  amatoriali in tutto il mondo e si è dimostrato estremamente efficace nel perseguire, al contempo, l’ambizioso obiettivo di un miglioramento personale, professionale e di performance.

Il coaching nello sport si basa sull’utilizzo  di strumenti scientifici per migliorare le performance degli atleti. L’obiettivo che il coach sportivo si pone è innanzitutto quello di stabilire una “relazione processuale” con l’atleta (singolo oppure squadra) che possa produrre un miglioramento delle prestazioni complessive. Gli strumenti utilizzati variano a seconda del tipo di sport praticato e delle esigenze degli atleti, certo è che il coach lavora con l’atleta affinché l’atleta stesso trovi allineamento ed equilibrio in se stesso, sia come essere umano che come professionista. L’allineamento di questi fattori produce un aumento notevole delle prestazioni che spesso viene valutato tramite l’utilizzo di  test fisici, valutazioni delle prestazioni, analisi di vario tipo e genere.

Il coaching, durante il processo di coaching,  permette di individuare i punti di forza e i punti deboli degli atleti e di sviluppare le strategie migliori affinché possano perseguire e raggiungere i diversi obiettivi, anche quelli più ambiziosi in un contesto di crescita continua che, per citare Gallway, consenta loro di “concentrarsi su una cosa alla volta senza lasciarsi travolgere dalle critiche”. 

Altra frase storica è stata :” Il successo è il risultato dell’utilizzo delle tue potenzialità – le tue resistenze interiori “

All’interno di questo processo il coach offre un supporto continuo agli atleti. 

Da alcune recenti ricerche è emerso che l’allenamento mentale condotto da coach professionisti possa incrementare di oltre il 50% i risultati sportivi degli atleti favorendone il consolidamento nel tempo.

Nel nuoto, ad esempio, il Coach sportivo  che NON E’ MAI  una figura in competizione con l’allenatore bensì un alleato, è essenziale  per accompagnare l’atleta a controllare meglio i suoi stati emotivi prima di una competizione oppure per poter gestire meglio eventuali sconfitte senza tramutarle in “fallimenti personali” o ancora a prendere piena consapevolezza di cosa fare di diverso per ottenere risultati differenti .

Albert Einstein diceva : “ L’essere umano è folle, vuole ottenere risultati differenti continuando a fare sempre le stesse cose”.

Luca de Rose Coach impegnato nei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (poi disputati nel 2021) ha potuto festeggiare un importante traguardo a riprova del ruolo essenziale del Coaching sportivo nel miglioramento delle performance: ben tre delle sue atlete sono andate a medaglia.

Nella pallavolo e negli sport di squadra in genere in Coach sportivo può lavorare sia sul livello di “consapevolezza di sé” dei singoli atleti individualmente sia all’interno di un progetto di miglioramento globale che coinvolge l’intero gruppo e si mantiene durevole nel tempo.

Numerosi sono i volti noti dello sport che si avvalgono costantemente della figura di un coach: dai tennisti Serena Williams e Matteo Berrettini al calciatore Bonucci fino al velocista Marcel Jacobs, medaglia d’oro nei 100 metri a Tokyo 2020, “sbloccatosi” proprio grazie all’intervento del Coach.


Il coaching nello sport offre moltissimi benefici sia ai singoli atleti che alle square. I principali sono:

  • Miglioramento delle performance: grazie al coaching, gli atleti possono migliorare le loro prestazioni in modo significativo;
  • Aumento della motivazione: il coaching aiuta gli atleti a rimanere motivati nel corso della stagione e a superare i momenti difficili;
  • Sviluppo del potenziale: il coaching permette agli atleti di sviluppare al meglio il proprio potenziale e di raggiungere traguardi che altrimenti sarebbero puri miraggi.

Nelle scuole di coaching CREA dove formiamo coach professionisti, verrete formati anche per essere dei coach sportive efficaci, il fondatore del metodo CREA, Giovanni Magni , (che troverete in nelle aule del Corso per diventare coach) segue anche alcuni atleti professionisti tra cui Luca Iovine, ( https://linktr.ee/Dukemma )atleta professionista da diversi anni negli sport da combattimento e nello specifico MMA.

Un atleta che ha conosciuto Giovanni dopo una pesante sconfitta che rischiava di “rovinare” la sua carriera, oggi grazie anche all’intervento del coach, è tra I primi atleti Italiani e europei della sua categoria .

Se vuoi maggiori informazioni sul coaching e come diventare coach professionista riconosciuto e certificate, chiedi informazioni senza impegno: https://www.creacoach.it/scuola-di-coaching/

0 commenti

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Iscriviti alla newsletter e ricevi ogni settimana una pillola di coaching CREA. Inoltre ti invieremo gli inviti ai nostri, webinar gratuiti e ai corsi che attiveremo.

Inviando questo modulo accetto che i miei dati vengano salvati e trattati da CREA Sas di G. Magni & c. così come previsto dalla Privacy & Cookie Policy e dalla vigente normativa GDPR. Al fine di ricevere informazioni, notizie e newsletter, dalle quali potrò disiscrivermi in qualuque momento.

ARTICOLI CORRELATI