CREA Blog

Idee, riflessioni e storie per la Tua evoluzione

ETICA COACHING E VENDITA

by | Jul 13, 2021

“Il segreto non sta nel rincorrere le farfalle, ma nel prendersi cura del proprio giardino, affinché esse vengano a voi.” (incerto)

Questa frase erroneamente attribuita a Quintana, di attribuzione incerta, l’ho scelta perchè sintetizza bene cosa accade a quella categoria di “commerciali” che si approcciano in modo etico al coachng.

Chi frequenta un corso di coaching o le nostre scuole infatti, sviluppa questa capacità.

Che vuol dire non andare in giro con un retino per acchiappare clienti.

Vuol dire ascoltarli, rendersi “attrattivi”, cogliendo i loro bisogni e facendogli percepire come possono trovare un luogo nel quale questi bisogni e desideri trovano appagamento.

Allora saranno loro a cercarti, saranno loro i tuoi migliori venditori, saranno loro il tuo viral marketing.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.


Iscriviti alla newsletter e ricevi ogni settimana una pillola di coaching CREA. Inoltre ti invieremo gli inviti ai nostri, webinar gratuiti e ai corsi che attiveremo.

Inviando questo modulo accetto che i miei dati vengano salvati e trattati da CREA Sas di G. Magni & c. così come previsto dalla Privacy & Cookie Policy e dalla vigente normativa GDPR. Al fine di ricevere informazioni, notizie e newsletter, dalle quali potrò disiscrivermi in qualuque momento.

ARTICOLI CORRELATI

5 cose che non servono per diventare un Coach

5 cose che non servono per diventare un Coach

In questo articolo vogliamo sfatare alcuni falsi miti 1. Una laurea. Questo è un malinteso comune che impedisce a molte persone di acquisire una professione per il quale sono fatte. Quindi permettetemi di dirlo chiaramente: Non hai bisogno di una laurea per diventare...

Credenze limitanti: la differenza tra vincere e perdere

Credenze limitanti: la differenza tra vincere e perdere

Che cosa fa percepire a  una persona,  un  cliente,  un’azienda o una organizzazione essere un vincente che raggiunge con gioia gli obiettivi prefissati, piuttosto che un perdente che si sente vittima degli eventi e che vede allontanarsi la meta...