4 motivi per acquisire tecniche alternative volte a ottimizzare le sessioni di coaching

4 motivi per acquisire tecniche alternative volte a ottimizzare le sessioni di coaching

Da molti anni formo Coach professionisti con le scuole di coaching CREA. Quando i coach finiscono il percorso e superando gli esami ricevono il “diploma” che li certifica coach, spesso si complimentano con noi per tutte le competenze che abbiamo condiviso durante il percorso, e una delle frasi più belle che ci sentiamo dire è: sento di aver appreso quanto mi serve per essere un coach efficace!

E così il coach inizia a lavorare, è contento e soddisfatto per i risultati dei suoi clienti, che confermano l’efficacia del metodo e le abilità del coach stesso. Altre volte invece possono capitare situazioni che sembrano più complesse, dove si ha maggiore difficoltà nell’accompagnare il cliente all’interno delle 4 fasi della sessione.

A volte i coach ci chiamano per una supervisione, per un confronto amichevole o per un consiglio…

Da questi confronti si è evidenziato più volte che proprio perché sono coach diplomati ed efficaci, acquisire nuovi strumenti pratici da utilizzare in sessione li renderebbe ancora più realizzati!

Da qui nasce l’idea in CREA di fare il corso di upgrade “strumenti pratici per coach”, una giornata riservata a coach professionisti interamente dedicata a come utilizzare sul campo nuove competenze.

Ecco 4 motivi per cui tutti i coach dovrebbero apprendere questi strumenti:

  1. Le tecniche che trasferiremo permettaranno al coach di muoversi più velocemente all’interno delle fasi della sessione. Ad esempio: se un cliente fatica a fare un cambio di stato, il coach potrebbe dedicare troppo tempo a questo passaggio e togliere spazio ad altre fasi della sessione, che diventerebbe meno efficace. Utilizzando uno strumento che permette di ottenere velocemente un cambio di stato profondo, il coach potrà occuparsi poi di tutto il resto in maniera approfondita. 
  1. Talvolta il cliente fatica a trovare un obiettivo chiaro e che abbia buona parte delle caratteristiche che deve avere un obiettivo CREATIVO. Conoscere  modalità alternative per accompagnare il cliente a definire gli obiettivi, risolve la situazione e permette di procedere verso il piano d’azione. 
  1. Anche durante la pianificazione della strategia il cliente potrebbe “bloccarsi”, ecco perché avere a portata di mano uno strumento che permette al cliente di costruire la propria strategia in maniera rapida ed efficace oltre che concreta, diventa un grande valore aggiunto.
  1. A volte durante il percorso per diventare coach, vengono condividi test utili per lavorare su sé stessi. Immaginate quanto potrebbero essere utili anche ai vostri clienti, ad esempio quando il cliente fatica a individuare e riconoscere le sue potenzialità, oppure quando ha le idee confuse sulla sua mission e i suoi valori. Saper erogare correttamente i test, permetterebbe al cliente di arrivare alle sessioni successive con nuove informazioni utili per proseguire il percorso con una marcia in più. 

Se sei anche tu in accordo con quanto letto e sull’utilità di apprendere strumenti pratici da usare in sessione e/o da erogare al cliente tra una sessione e l’altra clicca qui, e richiedi senza impegno  altre informazioni perchè a breve potrai partecipare anche tu al corso online: